in

Canon EOS Ra: mirrorless pensata per uscire a riveder le stelle

Canon EOS Ra è ufficiale, dopo che ne davano un lancio imminente (confermatisi quindi veritieri). Come già precedentemente vociferato e, come intuibile dalla sigla, la nuova mirrorless full-frame (che si basa sulla ) punta a una fascia particolare di utenti: quelli che si dedicano all’astrofotografia.

Canon EOS Ra

Non è la prima volta che il produttore nipponico lancia un modello di questo tipo, ma erano anni che non si vedevano novità. Con Canon EOS Ra ora si va ad aggredire una fascia di mercato ridotta rispetto al panorama complessivo, ma comunque molto interessante.

Canon EOS Ra: l’astrofotografia con una mirrorless full-frame

Secondo quanto riportato dal produttore e come scritto in apertura, Canon EOS Ra prende in prestito dalla EOS R la tecnologia di messa a fuoco permettendo di lavorare anche in condizioni di scarsa luminosità (fino a -6 EV). Il CMOS di tipo full-frame ha 30,3 MPixel di risoluzione mentre al suo interno c’è un processore d’immagine DIGIC 8.

Essendo un modello specifico, la nuova Canon EOS Ra ha subito alcune modifiche per riuscire a catturare al meglio immagini astronomiche. Infatti troviamo un nuovo filtro infrarossi (pensato per la lunghezza d’onda di 656 nm) che consente di migliorare la quantità di radiazione luminosa idrogeno-Alfa (Ha) che può arrivare fino al sensore. Le prestazioni parlano di un incremento di quattro volte rispetto a una EOS R tradizionale.

Con questa modifica si potrà così catturare al meglio le sfumature di colore di strutture astronomiche come le nebulose. Queste ultime, composte principalmente da idrogeno, plasma e polvere derivante dall’attività stellare sono meno visibili con i classici filtri anti UV/IR che si trovano nelle normali fotocamere. Con la nuova Canon EOS Ra non ci sarà più questo problema. Anche l’assenza dello specchio (per via della struttura mirrorless) permette anche di ridurre le vibrazioni.

Canon astrofotografia

Un’altra caratteristica di Canon EOS Ra è la possibilità di ridurre la zona del sensore da full-frame ad APS-C (e risoluzione di 11,6 MPixel pari a 4176 x 2784 pixel) nel caso il telescopio non supporti il formato 35 mm.

Grazie ad alcune funzioni specifiche e alle capacità di messa sarà possibile sfruttare al meglio la nuova fotocamera. Per esempio non mancano il peaking e la possibilità di ingrandire fino a 30x (EOS R arriva a 10x). Il nuovo modello è anche il primo al mondo dedicato all’astrofotografia a poter registrare time-lapse in 4K.

astrofotografia

Canon EOS Ra è compatibile con tre adattatori per permettere la massima flessibilità quando si tratta di telescopi o obiettivi (compresi quelli EF ed EF-S). Peso, dimensioni e tipologia di batteria rimangono le medesime del modello standard così come la connettività senza fili. La nuova Canon EOS Ra arriverà a fine Dicembre al prezzo di 2899,99 euro.


Fonte: http://feeds.fotografidigitali.it/rss_fotografia.xml


Tagcloud:

Tutto quello che devi sapere prima di andare a vedere “Le ragazze di Wall Street”

Lady Gaga è stata costretta a cancellare uno dei suoi concerti a Las Vegas per motivi di salute